Le sue origini

Le origini della Giostra della Jaletta appaiono di difficile collocazione temporale, anche se secondo la tradizione risalirebbe addirittura all’età tardo medievale, quando, a detta di molti, veniva organizzata dalla popolazione del posto per intrattenere il feudatario locale. Tale considerazione, però, anche se inverosimile, non appare del tutto infondata. Infatti, la maggior parte dei tornei equestri di tipo storico-rievocativo, che condividono con la Giostra della Jaletta numerose caratteristiche, traggono le proprie origini nel periodo medievale. Si pensi, ad esempio, alla Giostra della Sartiglia di Oristano, che recupera gli elementi caratteristici della giostra dell’anello, appresa dai Crociati in Terrasanta dai nemici Saraceni e diffusa in tutta Europa nel XI secolo; si pensi, altresì, alla “Corsa dell’anello” di Narni, alla “Corsa all’anello” di Velletri, alla “Giostra del saracino” di Arezzo, alla “Giostra della Quintana” di Foligno. Tutti questi tornei equestri, che consistono, nel riuscire a penetrare con un’asta un anello o una stella forata o comunque un orifizio, cominciano a manifestarsi proprio nel Medio Evo: tale circostanza porta a ritenere, pertanto, che anche la Giostra della Jaletta affondi le proprie radici nel medesimo periodo storico; con ciò, però, non si vuole intendere che abbia avuto necessariamente origine durante l’epoca medievale. A riprova di quanto appena affermato vale la pena riportare ciò che viene tramandato dalla tradizione orale, secondo cui un tempo (forse ancora due secoli fa), al posto della Giostra della Jaletta, a S. Marco la Catola si usava fare la Giostra del Saraceno: un fantoccio mobile, ruotante attorno ad un’asticella, con un braccio disteso e pronto a percuotere il cavaliere, nel caso in cui quest’ultimo, invece di infilare l’asta nell’anello appeso nell’altra mano del “saracino”, avesse per sbaglio colpito il busto di quest’ultimo. Col passar del tempo al posto del “saracino” si è pensato di appendere una grossa secchia recante fissa sul fondo un foro a forma di anello. Tutto ciò a dimostrazione di come la Giostra della Jaletta rappresenti l’evoluzione di tradizioni più antiche: in questo senso, infatti, si è voluto sottolineare la circostanza per cui la tradizione più che aver origine nel Medio Evo, sembra affondare le proprie radici in tale periodo storico.

 
Conto alla Rovescia

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Tot. visite contenuti : 76788
Sponsor Jaletta
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Il nostro sito utilizza il CMS Joomla! che usa esclusivamente cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito. Se vuoi saperne di più riguardo i cookie utilizzati e capire come cancellarli, puoi visualizzare la nostra Cookie policy.

Io accetto i cookie sul vostro sito.

Direttiva Europea sull'utilizzo dei Cookie